Salta al contenuto principale
Piano per la rimozione delle barriere, fisiche, cognitive e sensoriali presso l'Arena Sferisterio - Macerata

Il P.E.B.A. dell’Arena Sferisterio di Macerata

Completato l’incarico di redazione del P.E.B.A. per l’Arena Sferisterio  di Macerata, affidato alla start up Soluzioni Emergenti.

Il gruppo di lavoro composto dall’Arch. PhD Elisabetta Schiavone, l’Arch. Laura Cennini e l’Arch. Consuelo Agnesi ha presentato alla Giunta Comunale il piano per  l’eliminazione delle barriere architettoniche dell’edificio simbolo della città, che oggi si rivolge al pubblico attraverso tre anime: teatro dell’opera, monumento e museo.

Il confronto con il tema dell’accessibilità e dell’inclusione si pose già dal  2009 quando  il progetto Inclusivopera,  ha messo in scena all’interno dell’Arena spettacoli lirici ed opere accessibili richiamando molti appassionati con disabilità.

La molteplicità di attività ospitate oltre a quelle istituzionali, come i laboratori con le scuole, unite alla complessità del luogo e della sua organizzazione, l’alto affollamento associato ad una struttura monumentale certamente non realizzata secondo principi di accessibilità e sicurezza inclusiva, hanno reso la redazione del PEBA necessaria e complessa. Le Linee guida per la redazione del Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche (P.E.B.A.): un piano strategico per l’accessibilità nei musei, complessi monumentali, aree e parchi archeologici e allegati (6 luglio 2018) ed  il D.M. 28 marzo 2008 “Linee Guida per il superamento delle barriere architettoniche nei luoghi di interesse culturale”  hanno costituito il filo conduttore per la redazione del Piano, che ha restituito uno strumento agile ed efficace che consente all’Amministrazione Comunale di attivare un programma di interventi ad ampio raggio secondo una scala di priorità.